S. Erasmo Zinkal

SINTESI BIOGRAFICA

1818 27 luglio- Agostino Roscelli nasce a Bargone di Casarza Ligure, Diocesi di Chiavari, da Domenico e Maria Gianelli.

1818 30 agosto - Nella Chiesa parrocchiale vengono supplite le cerimonie del Battesimo, già ricevuto in casa il giorno della nascita.

1833 24 novembre - Viene cresimato nella Chiesa parrocchiale di Casarza Ligure.

1835 Si trasferisce a Genova per iniziare gli studi preparatori al Seminario.

1836 12 giugno - Riceve a Genova la sacra Tonsura e i primi due Ordini minori.

1838 Presta il servizio militare, alla fine del quale continua gli studi.

1843 In ottobre viene regolarmente iscritto al Seminario di via Porta degli Archi in Genova come alunno esterno, risiedendo, in qualità di prefetto, nel Collegio dei Gesuiti fino al 1845.

1845 Riceve il congedo militare assoluto «avendo intrapresa la carriera ecclesiastica».

1845 2 marzo - A Genova gli vengono conferiti i due ultimi Ordini minori.

1845 20 settembre - È ordinato Suddiacono a Genova.

1846 19 settembre - Viene ordinato Sacerdote a Genova dal Cardinal Placido Mario Tadini.

1847 È addetto, come Curato, alla Parrocchia di S. Martino d'Albaro in Genova.

1860 Si stabilisce nell'Istituto degli Artigianelli, fondato da Don Francesco Montebruno, in via Mura di S. Chiara in Genova, in qualità di catechista, assistente dei ragazzi ed economo.

1864 Apre la prima Casa-Laboratorio per ragazze in via Colombo 5, Genova.

1868 Apre la seconda Casa-Laboratorio, sempre per ragazze, in via Lanieri 71, Genova.

1870 Nel mese di marzo si ammala gravemente, ma il 14 dello stesso mese di ritrova prodigiosamente guarito per intercessione di S. Giuseppe.

1872 6 febbraio - Si iscrive alla Compagnia della Misericordia di Genova per l'assistenza ai carcerati e ai condannati a morte.

1874 Inizia l'attività di Cappellano presso l'Ospizio dell'Infanzia Abbandonata di via Gropallo in Genova.

1876 15 ottobre - Con la benedizione apostolica del Sommo Pontefice Pio IX, fonda l'Istituto delle Suore dell'Immacolata nella nuova Casa di via Volturno 5, in Genova, ove egli stesso prende alloggio.

1896 Abbandona ogni attività fuori Casa, perché ormai quasi completamente cieco, ma continua a dirigere l'Istituto da lui fondato.

1898 Costretto quasi definitivamente al letto, si trasferisce nella Casa Generalizia di via Lavinia in Genova.

1902 7 maggio - Muore santamente nella Casa di via Lavinia.

 

Copyright 2011 - Immacolatine